12 Novembre 2016

Cosa ci dicono le Guide per il 2017?

L’eccellenza sarda secondo la critica

Finalmente abbiamo a disposizione tutte le più importanti e famose guide dedicate al mondo del vino. Facciamo quindi un piccolo riassunto per mettere in evidenza quali tra le cantine sarde ed i vini prodotti sono i più apprezzati dalla critica (premettiamo che non sappiamo a quali guide i produttori hanno mandato i loro campioni).

La più premiata.

La cantina che riceve più riconoscimenti è Argiolas, che ottiene infatti il massimo punteggio per ben 8 volte. Un successo condotto dal noto Turriga (annata 2012) che da solo ha guadagnato le tre stelle di Veronelli, i 5 grappoli di Bibenda e le 4 viti di Vitae.

Le migliori in Sardegna.

Insieme ad Argiolas ottengono diversi riconoscimenti le cantine Sella&Mosca, Contini e Santadi, che ottengono per 6 volte il miglior punteggio, grazie ai loro vini, rispettivamente, Anghelu Ruju, Antico Gregori e Vernaccia Oristano - Riserva 1981, Latinia 2010.

I vini più premiati.

Il Turriga 2012 ed il Latinia 2010 - Cantina di Santadi sono i vini più premiati dalle guide, ottenendo per 3 volte il massimo riconoscimento.

Per Tipologia.

Cannonau: Dule (Gambero Rosso, Doctor Wine) della cantina di Giuseppe Gabbas, che si conferma tra i cannonau più apprezzati del panorama sardo, insieme al Tenores di Dettori (Doctor Wine, Bibenda)

Carignano: Terre Brune (Veronelli, Bibenda) è una certezza, punto di riferimento per il vitigno per eccellenza del Sulcis.

Vermentino: Capichera della cantina omonima (Gambero Rosso, Doctor Wine) e Stellato della Cantina Pala (Gambero Rosso, Doctor Wine) si confermano al top, porta bandiera del nord e del sud Sardegna del vino bianco più conosciuto al di fuori dei confini isolani.

Vernaccia: domina Contini con l’Antico Gregori (Veronelli, Bibenda) e la Vernaccia Oristano Riserva 1991 (Bibenda, Vitae). La cantina di Cabras si conferma il principale attore nella valorizzazione di questo vitigno unico per caratteristiche al mondo.

Malvasia di Bosa: purtroppo solo una cantina e questo ci dispiace tantissimo. Il Salto di Coloras (Vini Buoni d’Italia) della cantina Angioi ci ricorda che in Sardegna abbiamo una eccellenza sequestrata in casa.

Bovale: Salvatore e Nicoletta Pala di Audarya con il loro Nuracada (Doctor Wine) realizzano un prodotto fine ed elegante. Un giusto riconoscimento.

Vino passito: Santadi con il Latinia 2010 (Gambero Rosso, Veronelli, Vini Buoni d’Italia), seguito da Selle&Mosca con Anghelu Ruju 2005 (Bibenda, Vitae).

Curiosità.

Tenute Dettori, pur non inviando nessun campione, riceve comunque valutazioni da parte di due guide… Quel che è giusto è giusto!

Anche se non presenti in tabella, vogliamo ricordare le cantine Slowwine sarde, che per il 2017 parlano mamoiadino. Infatti, il riconoscimento va alla famiglia Sedilesu ed a Giovanni Montisci.

Questo è ciò che ci dicono le guide, ma sappiamo che non è sufficiente. Sono tanti i produttori che meriterebbero maggior spazio e noi, nel nostro piccolo, continueremo a farlo insieme a tutti voi.

 

 

Mario Josto D'Ascanio
Wine Editor - Sommelier
indietro

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.