6 Novembre 2015

Intervista a Patrick Böttcher organizzatore dell'evento

Vini, Birre, Ribelli. Il salone dei vini naturali e delle birre artigianali

Sabato 28 e domenica 29 novembre si svolgerà in Belgio a Bruxelles la seconda edizione di “Vini, Birre, Ribelli”, nome che difficilmente passa inosservato, ma già da quello i più attenti possono intuire la natura dell’evento, ovvero il connubio tra due mondi amici e interconnessi, quello del vino naturale e delle birre artigianali, rappresentati principalmente da Francia e Italia.

117 produttori di vino e 19 birrifici saranno i protagonisti. Un salone dove le degustazioni vogliono essere un punto d’incontro e di scambio tra le due realtà, cercando di sensibilizzare il pubblico alla problematica dell’agricoltura industriale e intensiva.

Alcuni giorni fa ho avuto il piacere di scambiare due chiacchere con l’organizzatore Patrick Böttcher autore del blog www.vinslibres.net e amministratore di Slow Food Metropolitan Brussels nonché grande appassionato dell’Italia del vino e della birra artigianale.

Patrick com’è nata l'idea di incentrare un evento sui vini naturali e le birre artigianali?

Viaggiando per passione, per il mio blog e per i miei libri, spesso mi è capitato di visitare tenute di vino organico o naturale, e i produttori, sapendo che io arrivavo dal Belgio, la città della birra, mi proponevano di scambiare le birre di Cantillon con i loro vini. In questo modo ho realizzato che le birre artigianali sono una vera passione per i produttori di vino, e d'altro canto ho capito che il proprietario di Cantillon, Brasserie della Senna, e tutti i produttori di birra sono attratti dai vini, ed in particolar modo dai vini naturali.
Mi è stato quindi chiaro che era necessario fare qualcosa per unire questi due mondi.

Chi sono secondo te i Vini e le Birre Ribelli? 

Penso che, sebbene un secolo fa, tutte le birre e i vini venivano prodotti come vengono attualmente prodotti le birre e i vini ribelli, oggi i veri vini organici e naturali e le birre artigianali sono ribelli perché volendo rispettare la tradizione e il gusto vengono utilizzati metodi di produzione e sapori che si oppongono, si "ribellano", ai modi industriali di produzione moderna.

Il consumatore riesce a distinguere un vino naturale da uno biologico o biodinamico? Ci vuoi spiegare in cosa si differenziano?

Non sono sicuro sia possibile, e non sono sicuro di essere in grado di rispondere alla domanda, perché in Italia la maggior parte dei vini definiti naturali contengono zolfo per più di 30mg/l. Lo stesso discorso vale per la differenza tra vini organici e biodinamici. Infatti, non amo la distinzione tra queste tre parole! Mi piacerebbe solo riunire in una fiera le persone che conosco, che ho incontrato nelle loro tenute, che hanno avuto successo con i loro deliziosi vini artigianali. Ritengo che l'uomo sia l'elemento principale nel processo di produzione del vino.
In ogni caso, il vino naturale non è per me qualcosa di più di un succo di frutta con acqua o di un vino vero, ma significa che è qualcosa di autentico, storico e richiama l'immagine vivente del vignaiolo.
Apprezzo particolarmente queste parole di Alessandro Dettori:
" Io non seguo il mercato, produco vini che piacciono a me, vini del mio territorio, vini di Sennori. Sono ciò che sono e non ciò che vuoi che siano ”.

Perché un vino naturale è da preferirsi a un vino convenzionale?

Perché fare un vino industriale se né può avere uno naturale?
Perché cambiare la resa e il sapore con composti chimici o metodi nelle vigne o in cantina quando la vera differenza è nella purezza?
Perché continuare a non rispettare madre terra quando siamo suoi figli e quando il rispetto è l'unico modo per convivere?
Quando si ha un figlio, è preferibile dargli ormoni o antibiotici anche se è sano?
È meglio dargli il cibo di Mc Donald piuttosto che prodotti provenienti da una fattoria biologica che conosci bene?
Ad ogni modo, non sono contro l'agricoltura convenzionale, preferisco solo contribuire a insegnare che esiste un altro modo e sfidare i convenzionalisti ai usare un altro modo per vivere sulla terra!

Ringrazio Patrick per la disponibilità, credo che l’ultima risposta dia un senso preciso al suo pensiero e quello che Vini, Birre, Ribelli rappresenti.

Se volete conoscere le cantine e i birrifici presenti o saperne di più su Vini e Birre Ribelli cliccate su questo link: www.vinibirreribelli.net

Stefano Serci
Le Strade del Vino.com Founder
indietro

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.