15 Luglio 2011

La Sardegna entra per la prima volta nel palmares dei top brand più rappresentativi del made in Italy

Vino, Argiolas entra nei Grandi Marchi. Anche la Sardegna tra i top brand dell'enologia Italiana.

Roma, 13 luglio 2011. La Sardegna entra per la prima volta nel palmares dei top brand più rappresentativi del made in italy enologico, riuniti nell’Istituto del vino Grandi Marchi e lo fa con le Cantine Argiolas di Serdiana (Cagliari). La decisione è stata deliberata oggi nel corso dell’assemblea dei soci dell’Istituto che, con le sue 19 aziende, vale 400 milioni di euro di fatturato complessivo (dato 2010, fonte: indagine interna), dei quali il 60% realizzati all’estero. Con l’ingresso di Argiolas, l’associazione Grandi Marchi raggiunge quota 8% del valore dell’export-Italia del vino imbottigliato, in rappresentanza di 12 regioni italiane e di oltre 3300 anni di storia vitivinicola del nostro Paese.

Argiolas, nata nel 1938, è oggi guidata dalla terza generazione e nei suoi 250 ettari di vigneti a sud della Sardegna produce ogni anno 2 milioni di bottiglie di cui il 35% destinate all’export (USA, Germania, Russia e Svizzera). Per Franco Argiolas, AD dell’omonima Cantina: “Il nostro ingresso nell’Istituto Grandi Marchi dimostra che la Sardegna del vino non solo è cresciuta molto dal punto di vista qualitativo, ma ha ancora grandi potenzialità di crescita. Per questo – conclude Argiolas – il nostro ingresso nei Grandi Marchi segna una autorevole opportunità per far conoscere la nostra terra e per conquistare nuovi mercati internazionali”.

“L’ingresso di Argiolas nei Grandi Marchi, a 7 anni dalla costituzione dell’associazione, rappresenta un evento eccezionale”. Così il presidente Piero Antinori, commentando la delibera, che ha aggiunto: “L’istituto, infatti, è composto da un gruppo di aziende dalla forte personalità e caratterizzazione individuale che ha però dimostrato, negli anni, di saper lavorare insieme garantendo una presenza costante sui mercati internazionali, contribuendo a rafforzare l’immagine e la dinamicità del vino italiano nel mondo”. Inoltre, ha concluso Antinori “L’aver accettato la candidatura di Argiolas valorizza ulteriormente la nostra presenza in Sardegna, dove siamo impegnati in un progetto ambientale di rimboschimento delle foreste di sughero, elemento irrinunciabile per sigillare il vino di qualità”.

Istituto del vino italiano Grandi Marchi: Alois Lageder, Argiolas, Biondi Santi Tenuta Greppo, Cà del Bosco, Michele Chiarlo, Carpenè Malvolti, Donnafugata, Ambrogio e Giovanni Folonari, Gaja, Jermann, Lungarotti, Masi, Marchesi Antinori, Mastroberardino, Pio Cesare, Rivera, Tasca D’Almerita, Tenuta San Guido, Umani Ronchi.

interCOM, Ufficio stampa Istituto del vino Grandi Marchi
Benny Lonardi Bonizzato 334/6049450 – direzione@agenziaintercom.it
Silvia Bernardi 334/9052498 – bernardi@agenziaintercom.it

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.