13 Aprile 2011

La viticultura eroica diventa ufficialmente marchio registrato

Al Vinitaly grande successo per il marchio CERVIM, Viticultura eroica

Ha riscosso grande interesse la presentazione del marchio CERVIM – Viticultura eroica che si è tenuta giovedì 7 aprile durante la giornata inaugurale del Vinitaly di Verona. La “Viticoltura eroica”, così definita per le particolari condizioni ambientali e di lavoro che comporta, diventa ufficialmente marchio registrato. Oltre 80 partecipanti hanno seguito con attenzione Roberto Gaudio Presidente CERVIM e i membri del Comitato Tecnico-Scientifico del CERVIM i professori Osvaldo Failla e Michele Fino durante l'illustrazione delle finalità e delle modalità di utilizzo del marchio.

Il marchio ha come intento quello di identificare la viticoltura di montagna e/o in forte pendenza e delle piccole isole (viticoltura eroica appunto), in modo chiaro e tangibile. Questo permetterà di valorizzare la tipicità, di incentivare l’imprenditoria locale a produrre considerando tecniche e modalità compatibili con il rispetto delle tradizioni e dell’ecosistema territoriale montano o in forte pendenza e delle piccole isole.

Nelle parole di Roberto Gaudio traspare soddisfazione e entusiasmo. Per Gaudio: “il marchio collettivo permetterà finalmente di riconoscere i prodotti della viticultura eroica che si identificano nel CERVIM.”

Testimonial d'eccezione l'antropologo e Past President del Club Alpino Italiano Annibale Salsa che nel suo intervento conclusivo si è soffermato sull'importanza del lavoro della terra e dunque anche della coltivazione della vite in montagna, presidio fondamentale contro l'entropia che altrimenti colpirebbe senza alcun scampo le Terre Alte.

Alla presentazione hanno partecipato oltre a numerosi produttori e dirigenti regionali l'Assessore all'Agricoltura della Regione Lombardia Giulio De Capitani; il Tenente Marco Uguzzoni Comandante Nucleo Antifrodi Carabinieri Parma; il dott. Giuseppe Vadalà Primo dirigente T.S.F.P. Nucleo agroalimentare e forestale del Corpo Forestale dello Stato; Andrea Sisti, Presidente del Consiglio Nazionale dei dottori agonomi e dottori forestali; Federico Castelluci, Direttore Generale OIV; Claudio Galletti Presidente Enoteca Italiana; Dario Cartabellotta Direttore dell'Istituto Vite e Vino Sicilia; Gerardo Beneyton Presidente di Caseus Montanus, nonché molti produttori rappresentanti della viticoltura eroica, che finalmente avranno a disposizione uno strumento che permetterà loro di identificare i loro prodotti.

Il CERVIM (Centro di Ricerche, Studi, Salvaguardia, Coordinamento e Valorizzazione per la Viticoltura Montana) è un centro di ricerca internazionale che ha sede ad Aosta. Ha come obiettivo la tutela e la salvaguardia della viticoltura di montagna, in forte pendenza o su piccole isole, ovvero ciò che è diventato comune indicare come “viticoltura eroica” per le particolari condizioni ambientali e di lavoro che essa comporta.

Argomenti Correlati

Se hai trovato interessante questo articolo, probabilmente troverai interessanti anche i seguenti argomenti:

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.