20 Maggio 2011

Napoli, Castel dell’Ovo 22-24 maggio 2011

Anima e Spirito, Alessandro Pizzo in mostra a Vitignoitalia

Nella tre giorni di Vitignoitalia, la suggestiva Sala mostre di Castel dell’Ovo, ospita la mostra “Anima&Spirito” di Alessandro Pizzo, artista veneto la cui inesauribile fonte di ispirazione è proprio il vino. Una traccia indelebile dei propri pensieri. Un segno naturale fatto di colore e sapore, di aromi e profumi sempre diversi. Il vino che finisce sulle tele, che le riempie e le valorizza offrendo spunti di interpretazione nuovi ed accattivanti. Il vino che fluttua, si scinde e muta il suo percorso. Il vino che si fa arte, crea giochi di vuoti e pieni, di luci ed ombre.

Vino dunque, ma anche crema di whisky e liquirizia compongono le quaranta opere di Alessandro Pizzo che saranno esposte a Napoli nell’ambito di Vitignoitalia: “La passione per il vino ed i vitigni - spiega Alessandro Pizzo - è in me fin da bambino, da quando mio nonno mi faceva fare la vendemmia nei suoi terreni e mi pagava anche bene, considerando che mangiavo più uva di quella che raccoglievo. Scegliere di lavorare usando la bottiglia, senza pennelli, mi fa sporcare le mani proprio come a quei tempi ed il profumo che poi mi rimane ne evoca i ricordi”.

Senza il supporto di pennelli o altro, l’artista calibra le varie densità dei rossi dei Colli Euganei, i suoi preferiti, studiando i pesi e giocando con le sovrapposizioni, gli strati. Vino e tela interagiscono dando forma a immagini, figure, paesaggi astratti a cui Pizzo dà nomi suggestivi ed evocativi come “Profilo di donna”, “Alghe”, “Lampi divini”, “Aquiloni”.

"La tecnica è particolare, mi dicono unica nel suo genere, anche se i pittori che dipingono con il vino esistono, utilizzano altri supporti e miscelano con vari elementi per realizzare le proprie opere. Io lascio che la tela e il vino interagiscano, io sono la guida ma non interferisco con la natura. C'è uno studio, ma nessuno schema fisso. Il lavoro varia a seconda del risultato che voglio ottenere: posso lavorare la tela da entrambi i lati, rendere telaio e tela tutt'uno, decido osservando come reagisce il vino. L'unica certezza: ogni opera è unica ed irripetibile."

Alessandro Pizzo (Padova, 1972) scopre la pittura per caso nel 2008 dopo studi in Sociologia e una carriera come amministratore delegato nell’azienda di famiglia. Dopo un anno con pennelli e tempera, scopre il vino come mezzo espressivo e ne studia le reazioni naturali sulla tela. Dal 2009 si dedica esclusivamente alla produzione di tele con il vino perfezionando una tecnica solo sua. Ha esposto a Padova, Roma ed ora a Napoli.

www.alessandropizzo.it

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.