22 Ottobre 2012

Trend di crescita da studiare, ma i valori dei marchi aziendali vanno difesi

Consumi, l'8,1% dei vini venduti con la marca commerciale

Il fenomeno della private label nel vino al centro dell’Assemblea del Settore vino di Fedagri che si apre oggi. Il Presidente Orsi: “La marca privata toglie valore a quella dei singoli produttori, che corrono in tal modo il rischio di diventare semplici riempitori di bottiglie”.

“Nell’ultimo anno i vini venduti a marca privata hanno registrato un incremento del 6%, attestandosi oggi su di una quota pari all’8,3% in valore. Si tratta di un trend che abbiamo il dovere di osservare e studiare da vicino, ma che non ci vede affatto entusiasti, poiché la marca privata toglie valore a quella dei singoli produttori, che corrono in tal modo il rischio di diventare semplici riempitori di bottiglie”.

Lo ha dichiarato Adriano Orsi, Presidente del settore vitivinicolo di Fedagri-Confcooperative nel suo intervento all’Assemblea delle 400 cantine aderenti che si è riunita oggi presso la cantina Viticoltori Friulani La Delizia. “La crescita del marchio privato – ha proseguito Orsi – anche nel nostro settore, in linea con quanto avviene per tutti i principali prodotti del largo consumo, è un fenomeno che merita grande attenzione. È fin troppo evidente, tuttavia, come nel vino a marchio privato, che nella maggior parte dei casi coincide con il marchio del distributore, la parte commerciale viene in qualche modo ad espropriare quella che è la funzione classica dei produttori”.

“Pur riconoscendo che la vendita del vino a marchio privato possa costituire un valido sbocco commerciale per le aziende vinicole – ha concluso Orsi – la nostra strategia resta ancorata al principio che il produttore, il suo rapporto con il territorio e con i soci conferenti, siano dei valori che vanno difesi. di una cantina va in altre parole preservata, e non considerata come un elemento secondario”.

I trend di crescita della private label sono stati illustrati da Virgilio Romano, Consulente di Symphony IRI Group. La quota del marchio commerciale nel nostro paese è pari all’8,1% del vino venduto in Italia (dati a consuntivo 2011), dato che si assesta all’8,9% (ultimo dato progressivo 2012, relativo a giugno). “Se l’Europa è un valido benchmark – ha dichiarato Romano – il futuro della Private Label nella categoria vino sarà quello di crescere. La quota a volume in Italia è circa la metà di quella europea (14,4% contro 29%) e a valore è circa 1/3 (8,1% rispetto al 22,6% dell’Europa)”.

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.