2 Marzo 2012

FEDERALIMENTARE - Scendono i consumi di carne, latte e pasta.

Effetto dell'aumento dell'Iva è già visibile su consumi vino.

L’allarme lanciato da Federalimentare sul calo dei consumi alimentari è giustificato dal fatto che le tavole degli italiani si sono impoverite in quantità nel 2011 con meno carne bovina (-0,1 per cento), pasta (-0,2 per cento) carne di maiale e salumi (-0,8 per cento), ortofrutta (-1 per cento) e addirittura latte fresco (-2,2 per cento) anche se la spesa è positiva per effetto dell’aumento dei prezzi.

E’ quanto afferma la Coldiretti che, nel commentare l’analisi di Federalimentare, sottolinea che l’effetto dell’aumento dell’Iva si è già sentito sui consumi di vino in calo dell’1 per cento anche a causa dell’aumentodell’imposta dal 20 per cento al 21 per cento entrato in vigore il 17 settembre e che ha colpito anche per la birra, le acque minerali e i succhi di frutta. Il previsto nuovo aumento dell’aliquota colpirebbe tutti i prodotti alimentari e spingerebbe pericolosamente l’inflazione - conclude la Coldiretti - con un ulteriore effetto depressivo dei consumi e sull’intera filiera agroalimentare Made in Italy.

www.coldiretti.it

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.