Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato

* Privacy

26 Agosto 2011

La vendemmia si preannuncia equilibrata in termini di quantità e ottima dal punto di vista qualitativo.
Il mercato continua a premiare i vini della Valpolicella.

Il mercato continua a premiare i vini della Valpolicella e le giacenza sono in linea con i dati di imbottigliamento dei primi sette mesi dell’anno. È questo il risultato dell’analisi fatta durante l’ultimo Consiglio di Amministrazione del Consorzio Valpolicella, riunitosi in prossimità della vendemmia per fare il punto sul mercato e sull’imminente nuova produzione.

“L’equilibrio fra vendite, giacenze e prezzo è essenziale per mantenere il successo dei nostri vini sui vari mercati – afferma Emilio Pedron, presidente del Consorzio -, ma è altrettanto fondamentale l’equilibrio fra le quantità di uva da avviare alla produzione di Amarone e alla produzione di Valpolicella”. Non va dimenticato, infatti, che penalizzare il Valpolicella e destinare maggiori quantità di uve all’Amarone è una scelta che può premiare il produttore oggi, ma rappresenta un rischio e può avere effetti negativi in un prossimo futuro. Non va sottovalutata, inoltre, la particolare difficile situazione economica nazionale e mondiale, che influenzerà i consumi e soprattutto sarà poco disponibile ad accettare aumenti di prezzo.

Riguardo alla produzione 2011, le valutazioni di campo hanno evidenziato un anticipo di maturazione di qualche giorno, mentre i quantitativi sono stimati senza picchi. Ottima la qualità delle uve, che si presentano prive di problemi sanitari, una condizione, quest’ultima, particolarmente favorevole per l’appassimento delle uve da Amarone e Recioto.

Positive le aspettative dei produttori di uve, che negli ultimi anni sono riusciti, a differenza della maggior parte dei vignaioli italiani, a spuntare alti prezzi di vendita e una redditività di 15-18.000 euro/ha, che rappresenta la redditività per ettaro più alta d’Italia.

Il sistema Valpolicella sta dimostrando quindi di essere vincente, grazie alla crescita armoniosa realizzata da tutta la filiera nell’ultimo decennio sia dal punto di vista qualitativo, che di immagine dei vini, che di tutela del territorio di produzione promossi dal Consorzio. “Un equilibrio che va salvaguardato e se possibile ulteriormente migliorato – dice Pedron -, nella consapevolezza che la denominazione Valpolicella e il suo territorio sono un patrimonio collettivo che ciascuno deve rispettare nell’ambito del proprio ruolo”.

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.