Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato

* Privacy

29 Ottobre 2013

PUR NELL'INCERTEZZA DELLA SITUAZIONE ECONOMICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE, LE ESPORTAZIONI DEL VINO ITALIANO CONTINUANO A DARE SODDISFAZIONI

Pur nell'incertezza della situazione economica nazionale ed internazionale le esportazioni del vino italiano continuano a dare soddisfazione. Il dato aggregato dei primi sei mesi del 2013 fa infatti registrare una crescita degli introiti di +8,4%, passando da 2,16 a 2,35 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo del 2012. I volumi, pur mantenendosi intorno i 10 milioni di ettolitri, registrano un calo di poco più del 3%, mentre cresce di quasi il 12% il valore medio, passando da 2,13 a 2,38 euro al litro.
In pratica continuiamo ad incrementare gli introiti pur mandando all'estero meno prodotto, il che vuol dire che vendiamo nel mondo sempre di più bottiglie di maggiore qualità ed immagine, anche se i dati del primo semestre fanno registrare un netto incremento dello sfuso, in particolare nell'Unione Europea.
Se nella UE si registra una flessione contenuta delle consegne del 2,6%, nei Paesi terzi invece il cedimento della domanda si manifesta più repentinamente: il segno negativo passa da -1,3% a -4,2% tra il primo ed il secondo trimestre, con una perdita di circa 130 milioni di ettolitri.
Sempre secondo i dati elaborati da Assoenologi si registra la crescita dei valori in Francia (+16,1%), nel Regno Unito (+11,7%), in Germania (+9,5%). In aumento anche gli Stati Uniti (+9,6%) e il Canada (+2%). Decise le flessioni dei volumi in Cina (-41%), in Russia (-26%) e in Giappone (-11%). In crescita la Francia (+3,3%), Danimarca e Svezia rispettivamente +10% e +11,8% e gli Stati Uniti con +3,7%.
Gran parte della crescita del valore del vino italiano venduto all'estero nel primo semestre dell'anno trova origine nel crescente segmento degli spumanti, dove il valore export lievita di quasi il 18% rispetto al primo semestre del 2012, passando da 241 a 285 milioni di euro. I volumi di questa tipologia collocati all'estero sono in espansione di oltre il 10% e il valore medio trova spazi per una crescita del 6,7% passando da 3,35 a 3,58 euro al litro.
Insomma potrebbe anche andar meglio, ma con i tempi che corrono, non lamentiamoci.
 
Fonte: assoenologi.it

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.