18 Giugno 2012

Vino, Guidi: "I diritti di impianto sono una garanzia della viticoltura di qualita' legata al territorio"

“Dobbiamo mantenere ferma la nostra posizione sui diritti di impianto. Sulla assoluta necessità di tenere in vita un sistema che ha accompagnato l’espansione delle vendite, con una crescita regolare del vigneto e che ha contribuito a mantenere l’equilibrio tra offerta e domanda.” Lo ha ribadito il presidente di Confagricoltura Mario Guidi nel suo intervento conclusivo al convegno “Il ruolo dei diritti di impianto per il futuro del settore vitivinicolo europeo”, organizzato oggi dalla Organizzazione agricola.
“Nel tempo - ha ricordato il presidente – il sistema dei diritti ha contribuito a preservare l’azienda viticola legata al territorio. Ha permesso l’insediamento dei giovani dando loro la possibilità di beneficiare di criteri di priorità nella ripartizione, senza contropartita finanziaria. Eliminarlo comporterebbe conseguenze economiche e sociali gravissime per il nostro Paese: eccedenze di produzione, delocalizzazione in zone a più alta resa per ettaro, anche da parte di operatori esterni al settore agricolo, competizione basata su prezzi al ribasso. Con il rischio di un progressivo abbandono del nostro modello tradizionale di viticoltura, che valorizza il territorio, l’ambiente, la tipicità.”
Il presidente Guidi ha evidenziato che il vino è il fiore all’occhiello del commercio agroalimentare italiano (4,4 miliardi di euro) e che, con un fatturato di 10,7 miliardi di euro e 1,2 milioni di addetti, riveste un ruolo strategico dal punto di vista economico e occupazionale in molte aree del Paese. Le imprese vitivinicole, tra l’altro, sono fra le meno dipendenti dai pagamenti della Pac e i viticoltori riescono a remunerare la loro attività principalmente con i ricavi del mercato.
“Per questo – ha continuato Guidi - occorre mantenere un regime europeo che disciplini gli impianti per tutti i tipi di vino, DOP e IGP e per quelli senza indicazione geografica. Perché le criticità della liberalizzazione sono ancora più marcate per i vini senza indicazione, in particolare quelli varietali, ai quali non è possibile applicare strumenti aggiuntivi di regolamentazione”.
Confagricoltura non ritiene possibile alcun sistema alternativo a quello dei diritti.
La gestione del potenziale deve rimanere a livello centrale e non può essere demandata alle organizzazioni dei produttori o alle organizzazioni interprofessionali. E’ fondamentale avere strumenti omogenei di gestione.
“Potremmo ragionare sull’opportunità di rendere questo sistema un po’ più elastico – ha concluso il presidente Guidi - per superare le criticità riconosciute dagli operatori, ma non cederemo mai sul suo mantenimento”.

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.