Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato

* Privacy

11 Luglio 2012

Pecorino Dop per gli indigenti. L'assessore Cherchi: il Ministero e l'Agea correggono il bando

L'assessore protesta e il Ministro Catania ferma la procedura Agea relativa al bando per la fornitura di derrate alimentari destinate agli indigenti. Con una lettera ufficiale dal tono quantomeno deciso inviata ieri e firmata dall'assessore dell’agricoltura Oscar Cherchi, la Regione si è opposta al bando per la fornitura di Pecorino Romano DOP per gli indigenti che era stato suddiviso in due lotti (di cui uno interamente destinato al solo Pecorino Romano prodotto nel Lazio), e il ministero fa marcia indietro. L’assessore, impegnato dall’inizio del suo mandato in difesa dei diritti dei pastori sardi, conferma la decisione del Mipaaf, che di fatto recepisce le osservazioni dell’assessorato: "Ci siamo appellati al buon senso del Ministro Catania e del Presidente dell’Agea, Fruscio - conferma Oscar Cherchi - perché rivedessero il provvedimento al più presto in quanto troppo sbilanciato a favore dei caseifici dell'altro lato del Tirreno a danno di quelli sardi. Infatti uno dei due bandi era stato riservato ai soli trasformatori laziali, mentre l’altro, aperto a tutti, consentiva, di fatto, che i produttori di Pecorino Romano "non sardo", potessero partecipare ad entrambe le gare, creando una disparità evidente a favore dei "continentali".

La Regione, condividendo l'esigenza di attivare le procedure necessarie ad assicurare che le forniture di formaggio destinato agli indigenti siano integralmente ottenute dalle aree geografiche specificate dal disciplinare del Pecorino Romano DOP, chiedeva però sostanziale parità di accesso al bando alle produzioni isolane. "Si è trattato - sostiene Cherchi - di una richiesta legittima della Regione che il governo ha evidentemente condiviso, dimostrando saggezza e correttezza. Non va dimenticato infatti che il 90 % del Pecorino DOP è lavorato in Sardegna". Il bando di gara ministeriale è previsto dal Piano 2012 di aiuti alimentari agli indigenti. Inizialmente era stato diviso in due lotti: il primo, quello riservato ai produttori laziali partiva da una base d’asta di 124 tonnellate di prodotto. Il secondo, al quale erano ammessi a partecipare i sardi, aveva una base d’asta di 343 tonnellate di Pecorino. Ma a questo poteva accedere chiunque e quindi ancora una volta i produttori del Lazio. Ora dovranno esseri stabiliti i nuovi criteri di partecipazione.

Informazioni: Regione Sardegna

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.