17 Luglio 2012

Arrivano i primi tappi sardi derivati da sughero proveniente da una sughereta certificata secondo gli standard FSC

Arrivano i primi tappi sardi derivati da sughero proveniente da una sughereta certificata secondo gli standard FSC della buona gestione forestale.
Tra il 2004 ed il 2005, l’allora Stazione Sperimentale del Sughero, oggi confluita per effetto della L.R. 8 agosto 2006 n.13 nell’AGRIS Sardegna, aveva avviato, attraverso un progetto pilota in collaborazione con WWF ed FSC, il processo di Certificazione Forestale della propria Sughereta Sperimentale in località "Cusseddu - Miali - Parapinta", di circa 70 ettari, in agro di Tempio Pausania (OT).

Nel maggio del 2005 ha ottenuto, prima al mondo, la Certificazione Forestale (certificato n° SA-FM/COC-001436) da Woodmark Soil Association secondo gli standard FSC (Forest Stewardeship Council) della buona gestione forestale, che contribuiscono ad evidenziare come le sugherete siano naturalmente vocate ad una gestione sostenibile.

Strumento fondamentale per la Certificazione è stato il Piano di Gestione, a medio e lungo termine, che si poneva l’obiettivo, nel rispetto delle prerogative economiche del bosco a quercia da sughero, di applicare un modello di gestione forestale il più vicino possibile alla naturalità, che perseguisse la produzione di materia prima sughero attraverso una corretta conduzione dell’esistente e attraverso la rinnovazione naturale del bosco.

Successivamente, il Dipartimento della Ricerca per il Sughero e la Silvicoltura di AGRIS Sardegna, subentrato nella gestione della Sughereta Sperimentale, dopo aver ottenuto il rinnovo della Certificazione (maggio 2010 - maggio 2015), ha provveduto, nell’agosto 2010, ad effettuare l’estrazione del sughero (circa 1500 quintali), immettendo sul mercato il primo sughero sardo certificato FSC (puro 100%).

La materia prima è stata acquistata da una industria locale che, secondo la prassi consolidata, lo ha fatto stagionare all’aperto, per almeno un anno, per poi avviarlo alla lavorazione. A conclusione di questo percorso sono stati immessi sul mercato, già a partire dal 2011, i primi tappi sardi certificati FSC.

Si tratta della chiusura di un lungo percorso che partendo dalla gestione sostenibile della sughereta, passando attraverso la trasformazione in qualità dell'industria, arriva a chiudere la Catena di Custodia andando ad assicurare la tappatura delle bottiglie di una prestigiosa Cantina, che, ponendosi l’obiettivo della sostenibilità ambientale della sua produzione (dalla vigna alla bottiglia), inserisce tra le sue azioni concrete l’utilizzo di tappi in sughero provenienti da foreste certificate.

Fonte. SardegnaAgricoltura.it

COMMENTI

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Sabato 13 Febbraio 2016

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.