Articoli

Città del Vino Sardegna: Giovanni Antonio Sechi riconfermato coordinatore

Giovanni Antonio Secchi Usini

Giovanni Antonio Sechi, Consigliere del Comune di Usini (SS), è stato riconfermato per il triennio 2021 – 2024 alla guida del Coordinamento delle Città del Vino della Sardegna al termine dell’Assemblea che si è svolta nella mattinata di sabato 27 febbraio e che ha visto la partecipazione dei rappresentanti (tra sindaci e amministratori) di quasi tutte le 25 Città del Vino associate, in rappresentanza dei più importanti territori vitivinicoli dell’Isola.

Giovanni Antonio Sechi guiderà il rinnovato Coordinamento così comporto: vice coordinatore Andrea Loi (Assessore del Comune di Samugheo, OR); tesoriere Marco Demuru (sindaco del Comune di Meansa Sardo, NU). Referente nord-ovest: Elena Cornalis (assessore Comune di Sennori SS); referente nord-est Gavino Sanna (consigliere Comune di Monti, SS); referente centro Sardegna Rosella Orrù (assessore Comune di Terralba, OR); referente sud Sardegna Michele Casula (assessore Comune di Serdiana, CA).

Giovanni Antonio Sechi era divenuto coordinatore regionale all’Assemblea nazionale che si è svolta proprio ad Usini il 21 ottobre 2018. La sua conferma è stata approvata all’unanimità così come la composizione del nuovo Coordinamento. In Sardegna ad oggi i Comuni soci sono 25, rappresentativi di quasi tutte le sub-regioni dell’Isola ed esattamente: 4 della Provincia di Cagliari comprendente il Campidano, il Parteolla e il Sulcis (Selargius, Dolianova e Serdiana, Sant’Antioco); 12 della Provincia di Sassari comprendente il Coros-Logudoro, la Gallura, il Goceano, laNurra di Alghero e la Romangia (Alghero, Badesi, Benetutti, Berchidda, Luogosanto, Monti, Olbia, Sennori, Sorso, Tempio Pausania, Tissi e Usini); 5 della Provincia di Nuoro comprendente la Barbagia di Belvì e quella di Nuoro, il Mandrolisai e l’Ogliastra (Atzara, Dorgali, Jerzu, Meana Sardo e Sorgono); 4 della Provincia di Oristano comprendente il Barigadu, la Brabaxianna e il Linas (Neoneli, Samugheo, San Nicolò d’Arcidano e Terralba).

“Attualmente – afferma Sechi – vi sono 11 Comuni che hanno espresso la volontà di aderire all’Associazione dopo essere stati da me contattati: della Provincia di Sassari (Arzachena, Bonnanaro, Luras e Uri); della Provincia di Cagliari (Giba, Monserrato e Santadi); della Provincia di Nuoro (Nuoro e Loceri) e della Provincia di Oristano (Bosa e Modolo), ma sono in corso contatti anche con altri Comuni.

L’Associazione Città del Vino ha svolto un ruolo importante per i nostri Comuni con progetti locali e nazionali e mi auguro che si possa proseguire in questa crescita non sono numerica ma di progettualità. Far parte dell’Associazione garantisce ai nostri Comuni grande visibilità, non solo nazionale. Sta anche a noi amministratori, con passione e volontà, credere nelle finalità dell’Associazione e trasmetterla il più possibile con atti concreti.

Chi ne fa parte deve essere convinto che la modesta quota annuale serve per tante cose. Il brand Città del Vino è ormai ben radicato in tutto il territorio nazionale e offre una certificazione di garanzia ulteriore per la promozione territoriale dei nostri Enti che vede il vino come attrattore culturale-turistico principale o, comunque, uno tra i più importanti.”

Fonte: www.cittadelvino.it

Ti può interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *