Articoli

D-VINO, il progetto di formazione per gli studenti degli istituti turistici e alberghieri italiani

Donne del Vino DVINO

Introdurre il vino fra le materie di studio degli Istituti Turistici e Alberghieri di tutta Italia è il progetto di formazione dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino. 

La sperimentazione si è svolta nell’anno scolastico 2021/2022 in tre regioni pilota: Emilia Romagna, Piemonte e Sicilia. A partire dalle annualità 2022/2023 le Donne del Vino hanno esteso la sperimentazione a tutte le regioni italiane per poi lasciarla crescere in futuro, sotto la diretta gestione del Ministero.

Anche la Delegazione Sardegna ha aderito in maniera entusiasta al progetto, riuscendo a renderlo operativo nel mese di Maggio 2024, iniziando con il coinvolgimento di un solo istituto, con l’obiettivo di attuarlo su più ampia scala negli anni a venire. 

L’attuazione del progetto a livello Sardegna è stato fortemente voluto dalla Delegata Regionale Nina Puddu, che ne ha affidato il coordinamento alla vice Cristina Mamusa, che aveva già maturato esperienze didattiche sulla cultura enogastronomica negli istituti alberghieri.

Numerose le socie che hanno aderito al progetto, riconoscendo l’importanza della formazione relativamente al mondo del vino. In un’Italia dove l’agroalimentare è sempre più importante per il turismo non è possibile continuare a insegnare solo arte, territori e geografia turistica (66 ore per 3 anni) ai futuri manager dell’incoming. Una formazione più aderente ai bisogni dei comparti produttivi in cui gli studenti si preparano a entrare avvantaggia tutti e principalmente loro aprendogli maggiori prospettive lavorative.

L’istituto coinvolto nel progetto è l’ Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato “Galileo Ferraris” di Iglesias, la cui direzione didattica, corpo docenti e studenti hanno subito mostrato interesse ed entusiasmo per la proposta di formazione. 

Il progetto si è articolato in 2 giornate di studio, durante le quali sono stati diversi gli argomenti affrontati e le testimonianze portate da Le Donne del Vino. Oltre 40 gli studenti che hanno partecipato ed interagito ponendo numerose ed interessanti domande. 

La prima giornata si è svolta giovedì 16 maggio, durante la quale è stata presentata l’Associazione Le Donne del Vino e i suoi principi, si è parlato di territori, della legislazione del vino per poi concludere l’attività con le tecniche di degustazione del vino.  La didattica è stata affidata a Rossella Pisano (Maestro assaggiatore Onav) e Luisa Bayre (Vice-Delegata e ristoratrice de Il Convento a Cagliari).

La seconda giornata di formazione si è tenuta giovedì 23 maggio a cura di Cristina Mamusa (vice delegata e guida enogastronomica de Le strade del Gusto); Luciana Baso (produttrice dell’azienda Quartomoro di Marrubiu) e Rosella Cavassa (proprietaria del ristorante San Niccolò di Buggerru). Tra gli argomenti affrontati le nuove professioni del vino e l’etica professionale. La comunicazione del vino e l’enoturismo, ed infine le regole di abbinamento cibo vino con esperienza sensoriale.  

Non meno importante è stato l’intento di favorire il consumo responsabile fra i giovani. Infatti, anche se l’assaggio del vino è stato riservato solo ai maggiorenni, una parte importante della formazione è stata finalizzata al contrasto dell’abuso dell’alcool e al bere responsabile. 

Bevisardo Shop Online Banner 2024 Desktop
Bevisardo Shop Online Banner 2024 Large

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *