Articoli

I vini Pala trionfano nell’ultimo report di James Suckling

Famiglia Pala

Il critico enologico più influente al mondo ha recensito i vini della cantina di Serdiana con il massimo dei punteggi.

Serdiana, 6 agosto 2021 – I vini della cantina Pala hanno conquistato i punteggi più alti nell’ultimo report della prestigiosa piattaforma di wine media JamesSuckling.com. Il suo fondatore, il noto critico enologico James Suckling, insieme ad altri influenti degustatori, ha valutato oltre 700 vini provenienti da tutto il mondo, assegnando alle etichette della cantina di Serdiana punteggi compresi tra i 90 e 93 centesimi.

Il voto più alto è stato assegnato al Cannonau Riserva 2017 che Suckling descrive come un vino ben strutturato, che regala un finale gradevole, lungo e pulito. Molto apprezzato anche il più recente Stellato Vermentino 2020, che con 92 centesimi si conferma tra le etichette più rappresentative dell’azienda.

“Per la prima volta nella storia abbiamo l’intera produzione dei vini disponibili recensita con punteggi a partire da 90 centesimi – commenta Fabio Angius, Direttore Commerciale di Pala – un risultato incredibile mai raggiunto prima in Sardegna. Sapere che James Suckling ha dato una valutazione così positiva è per noi un grande stimolo, che ci spinge a migliorare ogni giorno di più” 

Questi i punteggi assegnati da James Suckling alle etichette Pala:

  • Stellato Vermentino 2020 – 92/100
  • Silenzi bianco 2020 – 90/100
  • Nuragus I Fiori 2020 – 91/100
  • Vermentino I Fiori 2020 – 91/100
  • Cannonau I Fiori 2020 – 92/100
  • Monica I Fiori 2019 – 90/100
  • Entemari 2019 – 91/100
  • Silenzi rosso 2019- 90/100
  • Assoluto 2019 – 92/100
  • Thesys Bovale 2019 – 91/100
  • S’Arai 2017 – 92/100
  • Siyr 2017- 90/100
  • Cannonau Riserva 2017 – 93/100
  • Entemari 2017 – 91/100

I punteggi ottenuti si aggiungono ad altri importanti premi e riconoscimenti ricevuti dalla critica di settore nazionale e internazionale come Robert Parker, Antonio Galloni di Vinous, Gambero Rosso e Vini Buoni d’Italia. 

Ti può interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *