Articoli

Tenute Dettori è azienda dell’anno

Tenuta Dettori Vigna

È tempo di guide e punteggi per l’enologia italiana ed è tempo di premi per le aziende sarde.

Le Tenute Dettori di Sennori hanno ottenuto il più alto riconoscimento di “Azienda dell’Anno” da ben due tra le guide più prestigiose italiane.

<<L’azienda top è quella che ha fatto un insieme di vini che piacciono di più, ha saputo meglio interpretare l’andamento stagionale rispetto agli altri, – spiega Daniele Cernilli, già co-fondatore e Direttore del Gambero Rosso – questo è il caso di Alessandro Dettori, caposcuola della biodinamica, che con il suo approccio ha ottenuto risultati straordinari>>. Dunque per la Guida Essenziale del Vino 2016 di Daniele Cernilli le Tenute Dettori di Sennori sono “Azienda dell’Anno”, titolo ottenuto tra le 867 aziende vitivinicole prese in considerazione, rappresentanti l’eccellenza enologica italiana.

Nel ricevere il riconoscimento Alessandro Dettori ha dichiarato: <<Ho quarant’anni ma sono ancora troppo giovane per un premio così importante. Mi piace pensare che sia un riconoscimento per la terra sarda e per il lavoro fatto da tutti i produttori sardi>>.

Tenute Dettori è stata inoltre eletta da Paolo Massobrio (Golosaria) come una delle 21 migliori Cantine d’Italia, i Campioni del Vino. Si tratta di riconoscimento dedicato ad una sola cantina per ogni regione, che nel tempo ha saputo sviluppare innovazione e crescita, mantenendo una costanza qualitativa, anzi superandola in tutti i 10 anni presi in analisi. 
Paolo Dettori ha dichiarato: << Siamo davvero onorati di ricevere un riconoscimento così importante da Paolo Massobrio, che premia soprattutto la qualità del nostro lavoro nel tempo, cominciato parecchi anni fa e che ad ogni stagione, ad ogni vendemmia cerchiamo di fare sempre al meglio. Siamo soddisfatti di ottenere questi titoli nonostante siano ormai 5 anni che non inviamo bottiglie ai giornalisti per le valutazioni, sono loro stessi che ci cercano e questo ci rende orgogliosi>>.

Ti può interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *