Dal Mondo

45° Vinitaly premia i “benemeriti” dell’enologia Italiana

Logo Vinitaly 2019

Verona, 9 aprile 2011 – Dal 1973 i grandi interpreti del mondo enologico italiano ricevono a Vinitaly (dal 7 all’11 aprile 2011 a Veronafiere, www.vinitaly.com) il Premio Cangrande “Benemeriti della Vitivinicoltura”. Il prestigioso riconoscimento viene assegnato seguendo le indicazioni degli Assessorati regionali all’agricoltura, che segnalano quanti con la propria attività professionale o imprenditoriale abbiano contribuito e sostenuto il progresso qualitativo della produzione viticola ed enologica della propria regione e del proprio Paese.

Per il 45° Vinitaly, giovedì 7 aprile, nel pomeriggio della giornata inaugurale, le argentee insegne di Cangrande sono state attribuite a: Alessandro Nicodemi, presidente del Consorzio di Tutela del Montepulciano d’Abruzzo DOCG (Abruzzo); Giuseppe Cosma Nazzareno (Basilicata); Urban von Klebelsberg (Provincia autonoma di Bolzano); Antonio Francesco Zaffina, coordinatore Ufficio Vitivinicolo Regione Calabria (Calabria); Gimmo Cuomo, giornalista (Campania); Gianfranco Rossi direttore dell’azienda Casabella (Emilia-Romagna); Ian D’Agata, giornalista (Friuli Venezia Giulia); Cooperativa I Castelli (Liguria); Franco Ziliani, presidente dalla Guido Berlucchi (Lombardia); Donatella e Patrizio Sartarelli dell’azienda Sartarelli (Marche); Claudio Cipressi della Cantina Cipressi (Molise); Pietro Berutti dell’azienda La Spinona (Piemonte); Ulrico Priore, della Cantina d’Aprì (Puglia); Gian Pietro Meloni, enologo (Sardegna); Gaetano Jacono della cantina Valle dell’Acate; Piero Tesi, consigliere delegato dell’Ente Tutela Vini per la valorizzazione dell’IGT Toscana (Toscana); Paolo Endrici della cantina Endrizzi (Provincia autonoma di Trento); Marco Caprai della cantina Arnaldo Caprai (Umbria); Elio Giuseppe Cornaz, presidente del Consorzio Quatremillemetres Vins d’Altitude (Valle d’Aosta); Rita Zanonia dell’azienda La Prebenda e presidente della Strada del Vino e dei Prodotti della Terra dei Forti (Veneto).
I nomi di questi professionisti ed imprenditori premiati vanno ad arricchire un Albo d’Oro composto da una serie di personalità che hanno fortemente contribuito alla crescita del sistema viticolo ed enologico italiano, tanto da farne un modello di riferimento internazionale.

Ti può interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *