Dal Mondo

Consumi, l’8,1% dei vini venduti con la marca commerciale

Cavatappi

Il fenomeno della private label nel vino al centro dell’Assemblea del Settore vino di Fedagri che si apre oggi. Il Presidente Orsi: “La marca privata toglie valore a quella dei singoli produttori, che corrono in tal modo il rischio di diventare semplici riempitori di bottiglie”.

“Nell’ultimo anno i vini venduti a marca privata hanno registrato un incremento del 6%, attestandosi oggi su di una quota pari all’8,3% in valore. Si tratta di un trend che abbiamo il dovere di osservare e studiare da vicino, ma che non ci vede affatto entusiasti, poiché la marca privata toglie valore a quella dei singoli produttori, che corrono in tal modo il rischio di diventare semplici riempitori di bottiglie”.

Lo ha dichiarato Adriano Orsi, Presidente del settore vitivinicolo di Fedagri-Confcooperative nel suo intervento all’Assemblea delle 400 cantine aderenti che si è riunita oggi presso la cantina Viticoltori Friulani La Delizia. “La crescita del marchio privato – ha proseguito Orsi – anche nel nostro settore, in linea con quanto avviene per tutti i principali prodotti del largo consumo, è un fenomeno che merita grande attenzione. È fin troppo evidente, tuttavia, come nel vino a marchio privato, che nella maggior parte dei casi coincide con il marchio del distributore, la parte commerciale viene in qualche modo ad espropriare quella che è la funzione classica dei produttori”.

“Pur riconoscendo che la vendita del vino a marchio privato possa costituire un valido sbocco commerciale per le aziende vinicole – ha concluso Orsi – la nostra strategia resta ancorata al principio che il produttore, il suo rapporto con il territorio e con i soci conferenti, siano dei valori che vanno difesi. di una cantina va in altre parole preservata, e non considerata come un elemento secondario”.

I trend di crescita della private label sono stati illustrati da Virgilio Romano, Consulente di Symphony IRI Group. La quota del marchio commerciale nel nostro paese è pari all’8,1% del vino venduto in Italia (dati a consuntivo 2011), dato che si assesta all’8,9% (ultimo dato progressivo 2012, relativo a giugno). “Se l’Europa è un valido benchmark – ha dichiarato Romano – il futuro della Private Label nella categoria vino sarà quello di crescere. La quota a volume in Italia è circa la metà di quella europea (14,4% contro 29%) e a valore è circa 1/3 (8,1% rispetto al 22,6% dell’Europa)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *