Dal Mondo

Vinitaly Partner Ufficiale Dell’Hong Kong Trade And Developement Council

Logo Vinitaly 2019

Nuovo accordo di cooperazione tra l’ente organizzatore dell’International Wine & Spirits Fair di Hong Kong e Veronafiere per la promozione del vino italiano nel continente asiatico.

Verona, 26 marzo 2012 – Con un import dall’Italia che nel 2011 è incrementato del 40% raggiungendo i 21 milioni di euro, Honk Kong si conferma hub privilegiato per la commercializzazione e la distribuzione di vino in Asia.
Questo lo scenario in cui si inserisce l’accordo firmato questa mattina tra Veronafiere e Hong Kong Trade Development Council (HKTDC), organizzatore dell’International Wine & Spirits Fair, il più importante evento dedicato al vino del continente asiatico.

Si tratta di un accordo di cooperazione con il quale l’HKITD riconosce Vinitaly quale partner ufficiale per la promozione del vino italiano ad Honk Kong.
Questo accordo segue e amplia quelli firmati nel 2010 e 2011 e che hanno permesso all’Italia lo scorso anno di essere Paese partner dell’International Wine & Spirits Fair.
«Lo scorso anno – ha detto Benjamin Chau, vice direttore esecutivo di IKTDC – il padiglione Italia è stato il più grande con oltre 200 espositori, in crescita dell’80% rispetto all’edizione dell’anno prima»; 1.500 i vini presenti.

«Vogliamo esportare il modello Vinitaly alla Fiera di Honk Kong – ha affermato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – perché l’International Wine & Spirits Fair è un evento principalmente b2b, mentre Vinitaly è una fiera business oriented ma che con le sue iniziative fa anche cultura del vino, ed è quello che serve fare ora in Asia».
Con questo accordo Vinitaly prosegue la sua attività di promozione all’estero, che sta contribuendo ad accrescere l’immagine di unitarietà del sistema vinicolo italiano. «Mettiamo a disposizione la nostra organizzazione e il nostro know-how per fare sistema con istituzioni e produttori, così da portare il vino italiano nel mondo – ha detto Giovanni Mantovani –. Importante è continuare in questa direzione».

Presente alla firma dell’accordo Lamberto Vallarino Gancia, presidente di Federvini, che ha assicurato il suo appoggio all’iniziativa, perché – ha detto – «sono convinto che il futuro del nostro export passa da Hong Kong».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *