SARDEGNA
1 Aprile 2015

Angialis 2011, Isola dei Nuraghi I.G.T. Argiolas

di Mario Josto D'Ascanio

Valorizzare i nostri vitigni e le loro caratteristiche, sapendole poi comunicare al di fuori del nostro territorio...

Credo che questo sia uno dei tanti meriti da attribuire alla famiglia Argiolas.

Nella fattispecie: il Nasco. Antico vitigno autoctono sardo le cui origini sono ancora sconosciute, lo incontriamo soprattutto nel sud della Sardegna. Viene utilizzato per ottenere vini da dessert di particolare freschezza e sapidità.

L’Angialis viene prodotto da uve stramature, 95% nasco e 5% malvasia, attraverso pressatura soffice, vinificazione in acciaio e passaggio in barrique per 12 mesi.

Il colore è un giallo paglierino intenso con dei riflessi color oro, limpido, consistente. Le caratteristiche terpeniche delle sue bacche ci regalano intensità, complessità e finezza.

Agrumi, albicocca, datteri, miele e zafferano sono le note che più spiccano in questo vino. Dolce, ma con moderazione, ha delle componenti morbide, ben equilibrate, e come già anticipatovi dà buona freschezza e mineralità.

Intenso, persistente, fine, con un finale lungo che sa di miele, piacevolissimo. Un vino che si abbina bene ai dolci sardi, in particolare a Is Pardulas e Sebadas, ed ai formaggi stagionati o erborinati.

Informazioni sul vino

Produttore: Argiolas - Serdiana

Anno: 2011

Gradazione: 14,5% Vol

Varietà uve: 95% nasco e 5% malvasia

Denominazione: Isola dei Nuraghi I.G.T.

Classificazione: Vino da uve stramature

Prezzo medio : 25,00

Commenti

comments powered by Disqus

Ricerca vino o cantina

Cerca

Partecipa al sondaggio

Quale metodo preferisci per acquistare i tuoi vini?

Aperto Martedì 2 Gennaio 2018

© 2018 Evolve Digital - P.IVA 02926510922 - Tutti i diritti riservati.