Visualizzazione di 23 risultati

Olosìa – Meana Terra del Mandrolisai

Olosìa è un vino rosso intenso e avvolgente che racchiude l'essenza più pura del Bovale Sardo, noto come Muristellu, vitigno principe del Mandrolisai. Questo prezioso nettare dai riflessi rubino e porpora nasce dai "vigneti eroici" di Meana Sardo, allevati ad alberello sulle ripide colline a 700 metri di altitudine.

Frutto di un'antica tradizione enologica rispettosa del territorio e della natura, Olosìa è il risultato di un processo di vinificazione artigianale. Le uve vengono raccolte a mano nell'ottobre sardo e selezionate con cura. La fermentazione avviene tra 25°C e 28°C con lunga macerazione sulle bucce e frequenti rimontaggi per estrarre i preziosi polifenoli. L'abile délestage conferisce ulteriore struttura e complessità.

Ma ciò che rende Olosìa davvero unico è il suo invecchiamento in tonneaux di rovere, che dona al vino una straordinaria ricchezza di estratto e complessità polifenolica. Dopo un minimo affinamento di 6 mesi in bottiglia, il vino viene messo in commercio.

Un bouquet fragrante e raffinato di piccoli frutti rossi e macchia mediterranea apre le danze per un'esplosione avvolgente di corpo e struttura al palato, con una trama tannica equilibrata che si prolunga in un finale lungo e delicato.

Compagno ideale per esaltare i sapori autentici della cucina sarda e mediterranea, come primi ben conditi, carni arrosto e formaggi stagionati, Olosìa va servito alla temperatura di 18°C per apprezzarne appieno l'eleganza.

Gastè – Meana Terra del Mandrolisai

Dai vigneti eroici piantati sulle ripide pendici di Meana Sardo, a 700 metri di altitudine, nasce Gasté, un Cannonau di Sardegna DOC che racchiude l'essenza più autentica del territorio. Questo intenso nettare rosso rubino è ottenuto da una selezione accurata di uve Cannonau 100%, provenienti da antichi vigneti ad alberello di 40-50 anni.

Gasté è il frutto di una tradizione enologica rispettosa dell'ambiente e della natura, con metodi di agricoltura sostenibile e una vinificazione non invasiva. Ogni sorso celebra l'unicità del Cannonau di Montagna.

La vinificazione di Gasté è un percorso artigianale di estrema cura. La fermentazione avviene tra 25°C e 28°C con macerazione sulle bucce e frequenti rimontaggi per estrarre aromi e tannini nobili. L'abile délestage garantisce un'ulteriore concentrazione di profumi e sapori. Una maturazione in acciaio e un affinamento di 6 mesi in bottiglia conferiscono complessità e longevità a questo capolavoro enologico.

Al naso, Gasté rivela un bouquet fragrante di piccoli frutti rossi e confettura. Al palato, è un'esplosione avvolgente di struttura e corpo, con tannini setosi e persistenti che avvolgono il palato in un abbraccio vellutato di perfetto equilibrio.

Abbinato a piatti della tradizione sarda e mediterranea, come primi di carne, formaggi saporiti, carni rosse alla griglia e selvaggina, Gasté è il compagno ideale per esaltare l'autenticità dei sapori più genuini. Da servire alla temperatura di 18°C per apprezzarne appieno l'eleganza.

Genìa – Meana Terra del Mandrolisai

Genìa è l'incarnazione stessa dell'anima enologica della Sardegna, un vino rosso che racchiude tutta l'autenticità del territorio del Mandrolisai. Prodotto dalla Cantina Meana Terra del Mandrolisai secondo una filosofia tradizionalista e rispettosa della natura, questo Mandrolisai Rosso DOC nasce dall'unione di uve Bovale Sardo, Cannonau, Monica e antichi vitigni a bacca nera autoctoni.

Le pregiate uve provengono da vigneti eroici di 80-90 anni, allevati ad alberello sulle colline scistose a 700 metri di altitudine. Una raccolta manuale nell'ottobre sardo seleziona i grappoli migliori per una vinificazione interamente biologica e naturale, con fermentazione spontanea a temperatura controllata, lunga macerazione e délestage. Vino non filtrato, Genìa può presentare un lieve deposito a testimonianza della sua genuinità.

Un intenso rosso rubino accoglie lo sguardo, mentre al naso un ampio bouquet di deliziosi frutti rossi avvolge i sensi. Al palato, Genìa si rivela morbido e avvolgente, con una trama tannica fine ed elegante che si prolunga in un finale armonioso e persistente.

Compagno ideale per piatti corposi come carni rosse, selvaggina e formaggi stagionati, Genìa è l'espressione più autentica dei vigneti eroici del Mandrolisai, da gustare alla temperatura di 18°C per apprezzarne appieno la complessità.

Mandrolisai DOC – La Dolce Vigna

Questo vino rosso Mandrolisai DOC prodotto da La Dolce Vigna è l'espressione del terroir di Atzara, ottenuto da uve Muristeddu, Cannonau e Monica con altri vitigni locali. Le vigne ad alberello, situate a 550m in un terreno tendente al sabbioso, vengono raccolte a mano in ottobre. Dopo la fermentazione spontanea, il vino matura 8 mesi in botte e 8-10 mesi in bottiglia. Il Mandrolisai DOC de La Dolce Vigna si distingue per l'intenso colore rosso rubino con riflessi violacei. Al naso esprime un bouquet persistente di frutta rossa matura. In bocca risulta vino corposo, caldo e avvolgente grazie anche alla sapida mineralità donata dal Bovale Sardo. A tavola perfetto con carni rosse, formaggi e salumi tipici, si consiglia di servire a 18-20 °C.

Baccamora – Locci’s Domu

Baccamora è un vino rosso fermo Carignano del Sulcis DOC ottenuto per il 90% da uve Carignano, affiancate da altri vitigni a bacca nera autoctoni in percentuali minori, in una vinificazione monoparcellare che esalta le peculiarità di questo terroir unico.

I vigneti di alberello che danno vita al Baccamora, gestiti da Locci's Domu, si trovano nel Sulcis, tra Is Urigus e Sua Baccas. Hanno un'età media di 60 anni, essendo stati impiantati intorno al 1950 in un terreno sabbioso, argilloso e calcareo, con una densità di 6000-7000 piante per ettaro.

La fermentazione delle uve avviene spontaneamente con l'utilizzo esclusivo di lieviti indigeni, senza aggiunta di elementi esterni, per preservare l'identità del Carignano Sulcitano.

Baccamora si presenta con un colore rosso rubino intenso e un bouquet aromatico che richiama la frutta rossa matura con eleganti note speziate e tostate.

Al palato denota carattere, con tannini morbidi e una piacevole sapidità minerale. Ottimo con arrosti e brasati di carne rossa, esalta i formaggi stagionati ed è perfetto anche con il pesce, dando vita ad abbinamenti di grande personalità.

La spiccata versatilità gastronomica lo rende ideale sia con i piatti della tradizione che con ricette più ricercate. Baccamora è una fedele interpretazione del Carignano Sulcitano, da servire a 18 °C.

Cumpartia – Locci’s Domu

Il Cumpartia Carignano del Sulcis DOC di Locci’s Domu rappresenta l'interpretazione più autentica del Carignano, vitigno principe della Sardegna che in queste terre trova la sua massima espressione.

Con il suo stile essenziale ma al contempo legato alla tradizione, Cumpartia incarna a pieno la cultura dell'ospitalità e della condivisione isolana. Il nome stesso significa "condividere" in lingua sarda. L'intento è quello di proporre un vino accessibile ma al contempo rappresentativo del terroir da cui proviene.

Le uve di Carignano sono coltivate in vigneti ultrasessantenni ad alberello, con densità di 6000-7000 ceppi per ettaro, situati tra San Giovanni Suergiu e Is Urigus. Il terreno sabbioso e calcareo dona a queste uve tutta la forza del Sulcis.

La vendemmia manuale e l'attenta selezione anticipano una vinificazione rispettosa, con macerazione sulle bucce per due settimane. Dopo la fermentazione in acciaio, il vino matura per 6 mesi in vetro.

Il Cumpartia Carignano del Sulcis DOC si distingue per l'intenso colore rosso rubino e gli aromi di frutti rossi maturi, spezie dolci e sentori balsamici. Al palato risulta potente e avvolgente, con tannini morbidi e una fresca sapidità minerale. Un vino di carattere, vera essenza di secoli di tradizione vinicola sulcitana.

Cumpartia è frutto della passione di Locci’s Domu per queste terre generose, una celebrazione del terroir del Sulcis da condividere con gli amanti dell'enologia sarda.

Ottimo in abbinamento a primi piatti saporiti, carni rosse arrosto e alla brace, formaggi semi-stagionati e salumi, si consiglia di servire a 18°C.

Bisus – Tenute Donnolù

Il Bisus Cannonau di Sardegna DOC è l'espressione dei sogni (Bisus in ogliastrino significa sogni) delle Tenute Donnolù, piccola realtà vinicola familiare nel cuore dell'Ogliastra, a Tertenia. Questo intenso rosso rubino dai riflessi granati è ottenuto da uve Cannonau 100% coltivate con passione a un'altitudine di 120m, con una resa di 40-60 quintali per ettaro. Le viti ad alberello e a spalliera, che regalano grappoli maturi e concentrati, vendemmiati rigorosamente a mano tra fine settembre e metà ottobre, sono curate con dedizione di generazione in generazione. Dopo la fermentazione in acciaio a temperatura controllata e l'affinamento di 8-10 giorni sulle bucce, questo vino corposo dai tannini morbidi e la mineralità sapida viene ulteriormente perfezionato con un passaggio in bottiglia. I suoi intensi profumi di frutti rossi e spezie lasciano spazio ad un sorso pieno e avvolgente. La sua eccezionale persistenza aromatica lo rende l'abbinamento ideale per arrosti, brasati e grigliate di carne rossa, selvaggina e formaggi stagionati. Si consiglia di servire a 18°C.

Umbrosu – William Lasio Wines

L'etichetta Umbrosu Cannonau di Sardegna DOC è l'espressione in purezza del vitigno Cannonau proveniente dall'areale a sud della Sardegna. Questo vino rosso rubino dai riflessi violacei è prodotto con cura artigianale dalla piccola cantina William Lasio Wines, situata nel comune di Villasor immerso nella campagna del Campidano. I vigneti di Cannonau, condotti con il tradizionale sistema di allevamento a Guyot ad un'altitudine di soli 34 metri sul livello del mare, godono di un clima mite e assolato che dona grande maturazione alle uve. Dopo un attento monitoraggio, la vendemmia avviene manualmente durante i primi giorni di Ottobre, con una resa contenuta di 60 quintali per ettaro. In cantina ha luogo una vinificazione rispettosa, con diraspatura, macerazione e fermentazione a temperatura controllata sulle bucce, a cui segue una pressatura soffice delle vinacce e la fermentazione malolattica spontanea. L'affinamento di 8 mesi in serbatoi d'acciaio mantiene intatta la freschezza e i sentori del vitigno. Al naso Umbrosu evoca con immediatezza i frutti rossi freschi come ciliegie e rose canine, arricchiti da piacevoli note speziate di pepe, curry e chiodi di garofano che ne ampliano la complessità gustativa. La degustazione rivela una invitante eleganza e continuità, equilibrata e sincera dall'inizio alla persistenza finale. Perfetto in abbinamento con salumi e formaggi di carattere, esalta il sapore intenso di carni alla griglia, selvaggina e primi piatti saporiti, servito ad una temperatura intorno ai 16-18 gradi. Sulla bottiglia campeggia stilizzata la foglia emblematica del Cannonau, omaggio all'uva principe della Sardegna.

Bovale – Tenute Faragò

Il vino Bovale Isola dei Nuraghi IGT delle Tenute Faragò è un'eccellente espressione del vitigno autoctono sardo Bovale Sardo al 100%. Questo vitigno, recentemente rivalutato e apprezzato per le sue caratteristiche uniche, viene coltivato principalmente nel centro-sud dell'isola, in vigneti che si estendono su terreni prevalentemente sabbiosi per un totale di 1 ettaro. La tecnica di allevamento utilizzata, il Guyot, contribuisce a garantire la massima qualità delle uve raccolte a mano in cassette. Dopo una delicata pigiatura, il mosto subisce una macerazione pre-fermentativa a freddo seguita da una fermentazione di circa 10 giorni a 25 °C in vasche di acciaio, con regolari rimontaggi per favorire l'estrazione delle sostanze nobili dalla buccia. Il vino viene poi affinato in vasche di acciaio inox per circa 7 mesi, prima di essere imbottigliato giovane per esaltare al meglio i suoi profumi e la struttura tipica del vitigno. Di colore rosso rubino intenso con leggeri riflessi violacei, il Bovale Isola dei Nuraghi IGT offre un naso intenso e complesso con note di frutta rossa e di macchia mediterranea. In bocca è secco, pieno, caldo e persistente, ideale per accompagnare antipasti di terra, taglieri di salumi e formaggi stagionati, carni rosse e cacciagione. Per apprezzarlo al meglio, si consiglia di servirlo ad una temperatura compresa tra 16 e 18 gradi.

Cannonau – Tenute Faragò

Questo vino rosso a denominazione di origine controllata è ottenuto da uve Cannonau provenienti dai vigneti di proprietà delle Tenute Faragò. Il Cannonau è il vitigno principe della Sardegna, qui si esprime con carattere, equilibrio ed eleganza.

Le viti, allevate a Guyot, sono coltivate su un terreno caratterizzato da argille, limo e blocchi calcarei, esteso su una superficie di 3 ettari.

La vendemmia è manuale. In cantina, dopo una leggera macerazione a freddo, le uve vengono pigiate delicatamente e avviate a fermentazione in vasche d’acciaio, con rimontaggi quotidiani. Segue un affinamento semestrale, sempre in acciaio.

Il Cannonau di Sardegna DOC delle Tenute Faragò si presenta di un intenso colore rosso rubino. Al naso esprime aromi fruttati di prugna, amarena e frutti di bosco. Secco e fresco, ha struttura equilibrata, con tannini morbidi e finale persistente.

Vino eclettico e versatile, si abbina ad antipasti tradizionali, primi piatti robusti, arrosti, carne alla brace e selvaggina. La temperatura di servizio consigliata è 16-18°C.

Un’interpretazione autentica del vitigno principe della Sardegna, capace di sorprendere gli amanti dei grandi rossi dell’isola.

Sambene – Cantina Ruju Sardu

Il vino rosso Sàmbene, prodotto dalla cantina Ruju Sardu, è un Isola dei Nuraghi IGT ottenuto dalla combinazione di tre vitigni: Cannonau, Cabernet Sauvignon e Syrah. Questi vitigni sono coltivati nello stesso vigneto a Oliena, in zona Jumpadu, su terreno calcareo e marne, con una resa di 50 quintali per ettaro.

La vendemmia, eseguita manualmente, avviene solitamente tra metà settembre e i primi di ottobre, e le uve vengono sottoposte alla crioestrazione selettiva per la fermentazione con lieviti indigeni selezionati. Dopo la pressatura soffice e il rimontaggio manuale, il vino riposa in acciaio e in barrique di rovere per circa due anni prima dell'imbottigliamento.

Il colore del vino Sàmbene è porpora compatto e vivace, con profumi netti di frutti rossi maturi, marasche, more di rovo, humus e macchia mediterranea. Il gusto è caldo, asciutto e persistente, con un tannino ben espresso ma evoluto e di classe.

Sàmbene si abbina bene a piatti strutturati della tradizione sarda e italiana, ma grazie al suo tannino morbido e avvolgente può accompagnare anche pietanze più delicate. Si consiglia di servirlo a una temperatura di 18-20° C in un calice bordolese o balloon.

Pupusu – Cantina Ruju Sardu

Il Pupusu è un vino rosso Cannonau di Sardegna DOC Nepente di Oliena prodotto dalla cantina Ruju Sardu utilizzando uve Cannonau al 95% e altri vitigni al 5% provenienti dall'agro di Oliena nella zona Jumpadu. Il nome Pupusu significa "fiocco" ed è un vezzeggiativo dato alla nascita a Sebastiano Pupusu Pugioni, a cui il vino è dedicato. Le viti sono coltivate su terreno a disfacimento calcareo misto a marne e la resa è di 50 quintali per ettaro. La vendemmia viene eseguita rigorosamente a mano tra settembre e ottobre. Le uve vengono poi fermentate con lieviti indigeni selezionati, la pressatura è soffice e il rimontaggio viene eseguito a mano. Il vino viene fatto riposare in acciaio, ma una parte della massa viene affinata in legno. Dopo circa due anni avviene l'imbottigliamento. Il Pupusu Cannonau di Sardegna DOC – Nepente di Oliena – ha un colore rosso rubino che tende all'arancione con l'invecchiamento. Al naso è intenso e avvolgente, con un leggero aroma di piccoli frutti rossi e ciliegia. Il sapore è caratteristico, avvolgente, caldo, persistente e gradevolmente tannico. Questo vino si abbina perfettamente con piatti di carne, selvaggina, formaggi maturi, ma è anche consigliato con piatti di mare ben strutturati. Si consiglia di servirlo in un calice bordolese o baloon alla temperatura ideale di 18-20°C.

Lo Vell – Cantina Leda

Lo Vell è un vino IGT Isola dei Nuraghi Rosso prodotto dalla Cantina Leda in Sardegna, il nome in lingua catalana significa Vecchio. Lo Vell è prodotto con uve Merlot coltivate ad Alghero in Sardegna, dove questo vitigno internazionale coltivato da oltre un secolo è diventato autoctono ed è stato inserito nell'Alghero Doc . Il clima della zona di produzione è mediterraneo, con inverni miti e estati molto calde, e piogge piuttosto scarse e concentrate nei mesi autunnali e invernali. Sono frequenti le ventosità, soprattutto da Nord-ovest. La vinificazione e l'affinamento di Lo Vell avviene in botte di rovere (tonneau) per 24 mesi, seguiti da ulteriori 12 mesi di affinamento in acciaio e vetro. Lo Vell è un vino complesso e persistente, fruttato e floreale, con note speziate. Ampio e con tannini raffinati che rivestono il palato lasciando un finale fresco Strutturato e morbido, a tavola da abbinare a piatti di una complessità e pari struttura. Si consiglia di servire alla temperatura di 18 °C.

Ginjol Oro – Cantina Leda

Ginjol Oro è un vino rosso IGT Isola dei Nuraghi prodotto dalla Cantina Leda di Alghero ottenuto da uve rosse tipiche del territorio.

Le uve nascono in un terroir perfetto per la loro maturazione, dal clima mediterraneo, con inverni miti e estati molto calde. Le piogge sono piuttosto scarse e concentrate nei mesi autunnali e invernali. Frequenti le ventosità, soprattutto da Nord-ovest.

Il vino matura per 24 mesi in botti di rovere, per poi affinare in acciaio e vetro per ulteriori 12 mesi.

Ginjol Oro si presenta alla vista di colore rosso rubino carico, al naso è complesso è ampio. Il suo profumo spazia dal fruttato, prugna e confetture, al floreale con sentori di fiori appassiti, pre finire con ricordi di stecca di vaniglia, cannella, tabacco e cacao.  

In bocca è strutturato e morbido, da abbinare a piatti di una complessità e pari struttura.

Si consiglia di servire alla temperatura di 18 °C.

Cagnulari Riserva – Cantina Leda

L’Alghero DOC Cagnulari è un vino rosso Riserva prodotto con uve Cagnulari in purezza proveniente dai vigneti coltivati in agro di Alghero dalla Cantina Leda in Sardegna.

Le vigne vengono coltivate mediante sistema di allevamento a Guyot su suolo argilloso, sabbioso, mediamente calcareo in un terroir perfetto dal clima mediterraneo, con inverni miti e estati molto calde e frequenti ventosità con precipitazioni concentrate mediamente nei mesi autunnali e  invernali.

La densità d’impianto è di 4000 ceppi per ettaro, con una resa di 60 quintali per ettaro.

In cantina, il processo di fermentazione si s volge a temperatura controllata, in contenitori di acciaio inox, mentre la maturazione in botti di rovere francese per un periodo di 3 anni prima dell’imbottigliamento.

Il Cagnulari Riserva della Cantina Leda, si presenta alla vista di colore rosso rubino carico, all’olfatto si percepiscono sentori di frutta matura della macchia mediterranea, come la mora di rovo e nuance speziate di tabacco da pipa e vaniglia.

Da abbinare a piatti di terra saporiti, carni rosse, cacciagione, dei formaggi stagionati e salumi.

Servire alla temperatura di 18 °C.

Parèda BIO – Meana Terra del Mandrolisai

Dalle colline scistose del cuore della Sardegna, nasce Parèda IGT Biologico, un vino rosso autentico che racchiude l'essenza dei vitigni autoctoni della regione del Mandrolisai. Prodotto dalla Cantina Meana Terra del Mandrolisai seguendo rigorose pratiche di agricoltura biologica, questo nettare è l'espressione pura del territorio di Meana Sardo.

Le antiche vigne di 30-50 anni e oltre, coltivate ad alberello o a controspalliera, regalano uve di estrema qualità. Una raccolta manuale seleziona solo i grappoli migliori, dando vita a una vinificazione curata nei minimi dettagli, con macerazione di 12-14 giorni a temperatura controllata tra 26°C e 28°C. Un breve affinamento in barriques di rovere e 4 mesi di riposo in bottiglia conferiscono a Parèda la sua straordinaria complessità.

Al calice, Parèda IGT Biologico si rivela in un intenso rosso rubino con riflessi granati. Un bouquet avvolgente di frutta rossa, marasca e prugna cattura i sensi. Al palato, è un'esplosione di sapidità e corpo rotondo, con una piacevole persistenza olfattiva che perdura a lungo nel ricordo.

Parèda IGT Biologico è il compagno perfetto per formaggi stagionati e piatti semplici e delicati. Un'esperienza enologica autentica da gustare alla temperatura ideale di 18°C, per lasciarsi sedurre dall'eccellenza dei vigneti eroici di Meana Sardo.

Parèda DOC – Meana Terra del Mandrolisai

Parèda Mandrolisai DOC è un vino rosso d'eccellenza che racchiude l'essenza più autentica dei vitigni autoctoni del Mandrolisai, in Sardegna. Prodotto dalla Cantina Meana Terra del Mandrolisai, questo nettare pregiato seduce con l'assemblaggio di Bovale Sardo, Cannonau, Monica e una piccola percentuale di antichi vitigni a bacca rossa della zona.

Le uve provengono da vigneti eroici situati tra i 600 e i 700 metri di altitudine, dove le antiche viti ad alberello di 70-80 anni crescono su terreni scistosi con rese contenute, conferendo al vino intensità e carattere. Una raccolta manuale rigorosa seleziona solo i grappoli migliori.

La vinificazione è un percorso di artigianalità, con fermentazione a temperatura controllata tra 28°C e 32°C, una lunga macerazione di 16-18 giorni e l'abile utilizzo della tecnica del délestage. L'invecchiamento in tonneaux di rovere francese e l'affinamento di almeno 6 mesi in bottiglia aggiungono complessità a questo capolavoro enologico.

Parèda Mandrolisai DOC si rivela in un intenso rosso rubino con riflessi granata. Un bouquet ampio e persistente di frutta matura, vaniglia e cannella apre le danze per un'esplosione di struttura, armonia ed equilibrio al palato, con una piacevole persistenza gustativa e olfattiva.

Un vino nobile da abbinare a piatti corposi e formaggi stagionati, da servire alla temperatura ideale di 18°C per esaltarne l'eleganza e la profondità dei profumi e dei sapori.

Cupanera – Azienda Agricola Giuliana Puligheddu

Cupanera Cannonau di Sardegna DOC Biologico è un vino rosso fermo di alta qualità prodotto dalla cantina Giuliana Puligheddu di Oliena, in Sardegna. La sua produzione è basata sulla selezione massale da vigneti antichi della zona, e su un metodo di coltivazione che utilizza il sistema di allevamento cordone speronato – sesto d’impianto, che permette di ottenere una resa media di 30/32 quintali per ettaro. Le uve Cannonau, di cui è composto esclusivamente questo vino, sono raccolte a mano e selezionate in cassette forate da max 20 kg, solitamente durante l’ultima decade di settembre e i primi di ottobre. In cantina, la vinificazione prevede la pigiadiraspatura morbida, la macerazione in acciaio per dieci giorni a temperatura controllata e la pressatura soffice. Dopo un anno di maturazione tra acciaio e botte di rovere da 1.000 e 600 litri, il vino viene affinato ulteriormente per un periodo di almeno due mesi in bottiglia. Cupanera Cannonau di Sardegna DOC Biologico, quindi, è il risultato di un’attenta lavorazione e di un’accurata scelta delle materie prime, che conferiscono al prodotto un sapore intenso e complesso, con sentori di frutta rossa matura e di spezie. Il vino, che non viene sottoposto a filtrazione, si presenta di un rosso rubino intenso e presenta un profumo intenso e persistente. In bocca, la sua struttura è importante e il suo sapore è caldo e avvolgente. Il Cupanera Cannonau di Sardegna DOC Biologico accompagna con eleganza primi piatti della cucina di terra, formaggi saporiti e stagionati, brasati, selvaggina, agnello e cinghiale. Si consiglia di servire alla temperatura di 14-16 °C.

Cigala – Cantina Leda

Cigala (si legge Sigara) della Cantina Leda di Alghero, è un vino rosso Alghero DOC, ottenuto da uve Cagnulari in purezza. Cigala è, nella lingua catalana parlata ad Alghero, la Cicala, insetto presente ovunque nel territorio, che durante il periodo estivo accompagna con il suo caratteristico canto la maturazione delle uve e i convivi estivi. Cigala Alghero DOC è un vino di colore rosso rubino con riflessi violacei, dal profumo intenso e persistente, fruttato, emergono in modo evidente sentori di marasca e more selvatiche, accompagnati da note balsamiche di macchia mediterranea marina. Al palato si presenta pieno, di buona struttura e avvolgente. Lunga la persistenza gusto-olfattiva, dove si confermano al gusto e all'olfatto la tipicità del territorio e del vitigno. Il Cigala si accompagna sia con piatti di carne che di pesce. Per la sua freschezza e non eccessiva struttura e' perfetto con piatti di pesce dove siano presenti condimenti e salse oppure con il pesce azzurro, in particolare con il tonno. Servire ad una temperatura di 16-18 °C.

Ginjol – Cantina Leda

Ginjol, (si legge gingiul), della Cantina Leda di Alghero in Sardegna è un vino rosso a Indicazione Geografica Tipica - Isola dei Nuraghi, nasce da uve Merlot e Cabernet Franc. Ginjol è, nel linguaggio algherese, di origine catalana, il frutto della palma nana pianta spontanea della zona dove è ubicato il vigneto. È un vino di colore rosso rubino carico, dal profumo intenso e complesso, floreale, fruttato, erbaceo, speziato e con note balsamiche. Sentori di fiori e frutti rossi, con predominio della rosa e dell'amarena, abbinati a delicata speziatura e note erbacee tipiche dei vitigni in uvaggio, che delineano una importante qualità olfattiva. Al palato si presenta caldo, pieno e vellutato. Ottima la struttura e la persistenza gusto-olfattiva. Il Ginjol si accompagna egregiamente a piatti saporiti in genere e specificatamente a carni rosse, selvaggina e formaggi di media-buona stagionatura. Si consiglia di stappare la bottiglia un'ora prima della mescita per godere al meglio dell'ampio bouquet e di servire ad una temperatura di 18-20 °C.

Margallò – Cantina Leda

Margallò (si legge Malgagliò) è un vino rosso a Indicazione Geografica Tipica - Isola dei Nuraghi, nasce da uve Merlot, Sangiovese e Cabernet Franc, prodotto dalla Cantina Leda di Alghero. Margallò è, nel linguaggio algherese, di origine catalana, la palma nana, pianta spontanea della zona dove e' ubicato il vigneto. È un vino di colore rosso rubino carico, dal profumo intenso e complesso, floreale, fruttato, erbaceo, lievemente speziato e con particolari note balsamiche di mentuccia. I frutti sono rossi e maturi, emerge la ciliegia. Tra le spezie predomina il sentore di pepe nero. Il tutto accompagnato da delicate note erbacee tipiche dei vitigni in uvaggio. Al palato si presenta caldo, pieno e vellutato al palato. Ottima la struttura e la persistenza gusto-olfattiva. Il Margallò si accompagna egregiamente a piatti saporiti in genere e specificatamente a carni rosse, selvaggina e formaggi di media-buona stagionatura. Si consiglia di stappare la bottiglia un'ora prima della mescita per godere al meglio dell'ampio bouquet e di servire ad una temperatura di 18 °C.

Soi – Agricola Soi

Soi è un vino rosso Cannonau di Sardegna DOC ottenuto da uve Cannonau 90% completato da altri vitigni a bacca rossa della tradizione locale. Soi nasce dalla uve provenienti da due ettari di vigneto in località Aiodda su un pendio ad un'altitudine di 410 metri sul livello del mare a disfacimento granitico, molto profondo e ricco di magnesio. I vigneti vengono allevati a cordone speronato basso, con sistema di potatura Simonit e Sirch, non irriguo. L'uva, raccolta a mano tra la prima e la seconda decade di ottobre viene sistemata in cassette per poi essere portata in cantina dove viene subito pigiata e diraspata delicatamente. La fermentazione, a temperatura controllata, avviene in tini tronco conici di rovere di Slavonia da 50 hl e la macerazione sulle bucce dura circa 18 giorni. Si effettuano rimontaggi soffici e delestage. Il "SOI" sosta per circa un anno e mezzo in carati da i 10 hl, capacità ottimale affinchè il tempo contribuisca a renderlo armonico ed equilibrato e ad accrescerne la finezza del bouquet. Alla vista si presenta di colore colore è rosso rubino, con riflessi granati. Iprofumo è fine ed allo stesso tempo complesso, con sentore di petalo di rosa secca, unito a sensazioni di frutta matura come la prugna; le sensazioni floreali e fruttate sono ben bilanciate da una elegante speziatura e da un leggero sentore di macchia mediterranea unita ad un inconsueta sapidità che chiude nel finale ricordando delle note salmastre. In bocca si presenta con una tannicità mai invasiva, sempre equilibrata che permette al vino una grande lunghezza. A seconda dell'annata vengono prodotte da 6 a 8 mila bottiglie. Servire alla temperatura di 16-18 °C.

Lun – Agricola Soi

Lun IGT Isola dei Nuraghi è un vino rosso ottenuto dalla selezione di uve Bovale sardoCagnulari e Barbera sarda. Le uve provengono prevalentemente da un vigneto in località Santu Millanue vengono coltivate a cordone speronato basso, con sistema di potatura Simonit e Sirch, non irrigui, ad un'altitudine di 380 metri sul livello del mare. Un dolce declivio di circa 2 ettari, esposto a sud-est particolarmente ricco di calcare e con un ottimo scheletro visibile: quasi una pietraia, difficile da lavorare ma con buona capacità drenante. La resa di questo vigneto è di 50-60 qli per ettaro. Le uve una volta arrivate a giusta maturazione vengono raccolte a mano in cassette da 15-20 kg, generalmente durante l'ultima settimana di settembre. La fermentazione, a temperatura controllata, avviene in tini tronco conici di rovere di Slavonia da 50 hl e la macerazione dura circa 12 giorni, durante i quali vengono effettuate ripetute follature. Lun sosta per circa un anno in acciaio per mantenere inalterate alcune caratteristiche di gioventù del vino. Viene messo in bottiglia quindi a circa un anno dalla vendemmia. La sua capacità di evoluzione è di qualche anno, ma già da subito il vino è pronto per essere piacevolmente degustato e consumato. Lun IGT Isola dei Nuraghi si presenta alla vista di colore rubino intenso, con riflessi violacei. Il bouquet è intenso, con particolari richiami di cappero, acciuga e spezie dolci. Il sapore è elegante, con tannini ben espressi, abbondanti, ma equilibrati e piacevoli, ben bilanciati da un ottima struttura acida che rende il vino croccante e vivo. A seconda dell'annata vengono prodotte da 7 a 9 mila bottiglie. Servire alla temperatura di 16-18 °C.