Visualizzazione di 5 risultati

Show sidebar

Vermouth Mediterraneo Dry Marino – Macchia

Vermouth Mediterraneo Dry Marino nasce con l'idea di riprodurre lo stile dei Vermouth francesi, utilizzando un vino nobile molto antico: il Vernaccia di Oristano “flor”. Le botaniche dolci donano aromaticità e viene impiegata solo una piccolissima parte di zucchero per esaltare al meglio le note salmastre ed ossidate, tipiche dei Vermouth secchi. Vermouth Mediterraneo Dry Marino si presenta alla vista di colore giallo paglierino con riflessi ambrati, al naso è aromatico con note di elicriso e pompía. In bocca è secco e fresco, persistenze, con note salmastre.

Vermouth Mediterraneo Bianco Maestrale – Macchia

Vermouth Mediterraneo Bianco Maestrale nasce dall'unione di vini bianchi italiani, vini sardi, erbe, spezie ed agrumi isolani. La tradizionale lavorazione degli infusi dona al prodotto finito un’eleganza impareggiabile. Propone all’olfatto morbidi effluvi floreali accompagnati dalle note tipiche del mirto e del ginepro. Elegantemente morbido all’assaggio è molto fresco e rifinito da una lunga persistenza spiccatamente agrumata della pompía (agrume autoctono). Elaborato con metodi tradizionali, senza fretta e maturato per lungo periodo rappresenta l’espressione di un territorio ricco di tradizione e spontaneità.

Vermouth Mediterraneo Rosso al Mirto – Macchia

Vermouth Mediterraneo Rosso al Mirto nasce dall'unione di vini bianchi e aromatici sardi, erbe fragranti, foglie e bacche di mirto e zucchero cristallino. La lenta maturazione in vasche di acciaio conferisce al prodotto un sorprendente color granato con riflessi ambrati e violacei che accompagna elegantemente al naso la classica impronta olfattiva vinosa supportata dai sentori di macchia mediterranea e bacche selvatiche. Al momento dell’assaggio sprigiona tutta la sua eleganza dischiudendosi in un lieve abbraccio alcolico che prelude a una persistenza lunga e appagante ricca di sottili ritorni speziati e amaricanti. Al naso si colgono le intense sensazioni del mirto fresco, della vaniglia e degli agrumi, il tutto avvolto da un delicato manto di caramello.L’unione tra selezionati vini bianchi e aromatici sardi, erbe fragranti, foglie e bacche di mirto e zucchero cristallino genera un classico vermouth rosso. La lenta maturazione in vasche di acciaio conferisce al prodotto un sorprendente color granato con riflessi ambrati e violacei che accompagna elegantemente al naso la classica impronta olfattiva vinosa supportata dai sentori di macchia mediterranea e bacche selvatiche. Al momento dell’assaggio sprigiona tutta la sua eleganza dischiudendosi in un lieve abbraccio alcolico che prelude a una persistenza lunga e appagante ricca di sottili ritorni speziati e amaricanti. Al naso si colgono le intense sensazioni del mirto fresco, della vaniglia e degli agrumi, il tutto avvolto da un delicato manto di caramello.

Vermouth – Silvio Carta

Vermouth dal colore ebano intenso. Al naso esprime molteplici aromi di macchia mediterranea, rosmarino, alloro, aghi di pino, resine e pinoli, su uno sfondo di lievi sbuffi marini. Al palato si presenta intenso, morbido e rotondo, in perfetto equilibrio con la nota alcolica e ricco di ritorni, tra erbe e frutta matura, verso un finale deciso e pulito che porta dietro di sé una lunga scia minerale. per far sopravvivere le famiglie, sia i ragazzi che i pensionati. La produzione era abbastanza limitata, visto la forza lavoro disponibile, ma nonostante ciò il governo impose la requisizione delle derrate alimentari. L’effetto immediato fu la nascita del mercato nero. Di conseguenza fu necessario nascondere la reale produzione dei vari beni. Per quanto riguarda il vino, che era scambiato in contenitori di legno da cinquanta litri, veniva nascosto in campagna in mezzo agli arbusti, in Sardegna prevalentemente di elicriso. L’operazione funzionò bene nel periodo freddo mentre d’estate il vino acquisì oltre al profumo dell’elicriso una concentrazione alcolica elevata e una nota amara prepotente. Questo diventò un serio problema poiché nessuno voleva quel prodotto così amaro. Nonostante l’impegno, all’epoca non si capì cos’era successo, pertanto ci si limitò a scambiare il vino di contrabbando solo nei mesi freschi. Solo dopo si capì che il fenomeno era causato dalla conservazione del vino in botti di castagno il cui legno è molto largo, così che durante il periodo estivo, per effetto della traspirazione l'acqua evaporava, il tasso alcolico incrementava e il vino acquisiva il profumo intenso delle piante di elicriso in cui era nascosto. Dopo la guerra e con la ripresa economica in Sardegna, come nel resta dell'Italia, arrivò la moda del Vermouth. Silvio Carta nell’assaggiarlo si ricordò di quanto era successo con il vino di contrabbando. Capì che la differenza consisteva semplicemente nell’aggiunta dello zucchero. Da qui nacque l'idea di produrre il Vermouth dalla vernaccia sulla base dell'antica ricetta, creando, nel suo genere, un prodotto unico al mondo.

Vero Vermouth – Pure Sardinia

Vero Vermouth, ottenuto da Vino Vernaccia Riserva affinato per 10 anni in botti di castagno e da piante ed erbe spontanee dell’isola, quali Timo, Elicrisio e Mirto: emozionante, unico ed inimitabile.